ago 23 2008

chi l’ha detto?

Scritto da il 19:34 in e-politica Stampa Articolo Stampa Articolo

15 Marzo 1990

dobbiamo riconoscere che il vero problema è quello della responsabilità del pm per l’esercizio delle funzioni. Sono convinto che questa risposta istituzionale ai pericoli di deviazione della repressione penale non è coerente coi principi vigenti in regimi liberaldemocratici maturi e, sopratutto, determina concreti pericoli di incoerenza e disorganicità nella repressione penale. Mi sembra quindi giunto il momento di razionalizzare e coordinare l’attività del pm finora reso praticamente irresponsabile da una visione feticista della obbligatorietà dell’azione penale e dalla mancanza di efficaci controlli della sua attività

3 Ottobre 1991

Un sistema accusatorio parte dal presupposto di un pubblico ministero che raccoglie e coordina gli elementi della prova da raggiungersi nel corso del dibattimento, dove egli rappresenta una parte in causa… E nel dibattimento non deve avere nessun tipo di parentela col giudice e non essere, come invece oggi è, una specie di giudice. Il giudice, in questo quadro, si staglia come figura  neutrale, non coinvolta, al di sopra delle parti. Contraddice tutto ciò il fatto che, avendo fortmmazione e carattere unificate, con destinazione e ruoli intercambiabili, giudici e pm siano, in realtà, indistinguibili gli uni dagli altri.

Vi invito a leggere l’interessante articolo del Il Giornale di Sicilia

Nessun Commento

Trackback URI | Comments RSS

Lascia un commento

Already a member?
Login
Login usando Facebook:
Passati da qui
E tutti gli altri...
Powered by Sociable!

Get Adobe Flash player
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: