lug 20 2008

e-commerce per combattere il caro benzina

Scritto da il 00:50 in e-commerce Stampa Articolo Stampa Articolo

La benzina aumenta? Non mi interessa, compro on-line!

L'ecommerce contro il caro benzina

Una notizia che finalmente fa capire molto bene uno dei principali vantaggi dello shopping on-line: la spesa via web fa risparmiare tempo e denaro!

La notizia arriva dagli Usa ma basta fare un’indagine fra i merchant Italiani per trovare conferma anche da noi.
Con il prezzo dei carburanti che sale costantemente (+ 20% da inizio anno) la convenienza dell’e-commerce diventa più evidente.
Tutti gli acquisti si fanno seduti da casa, senza doversi spostare con la propria macchina così lo shopping on-line dilaga.
Il dato viene da molti ‘retailer’ che stanno sperimentando una forte accelerazione delle proprie vendite sul web che si contrappongono a vendite dirette al negozio sempre più deboli.

E tu che fai? Hai gia fatto acquisti on-line?

UPDATE DEL 25 LUGLIO

Nuovo articolo che analizza il fenomeno:Gas Prices Boost E-Commerce

Related Images:

4 commenti

4 Risposte a “e-commerce per combattere il caro benzina”

  1. Andreaon 21 lug 2008 at 08:28

    Sono sempre stato affascinato dalla “potenza” del web e la facilità con cui si riescono a fare molte cose rispetto al passato…quello che dici tu è vero, basta che i commercianti non ribaltino il costo del trasporto e tutti gli aumenti sul consumatore, altrimenti siamo punto e a capo.

    Piuttosto, leggevo un interessante articolo una settimana fa sul giornale di Brescia che diceva che la tendenza d’ora in avanti sarà quella di produrre (e vendere) prodotti a Km zero. Finora si è sempre badato a produrre dove il prodotto costava di meno soprattutto in termini di manodopera, ma ora il costo del trasporto incide così tanto che la tendenza è quella di produrre (e possibilmente vendere) in loco, quindi incentivare i prodotti locali. E cosa c’è di più locale del proprio orto, direttamente dal produttore al consumatore abbattendo i costi del trasporto e tutti i rincari dovuti a una filiera troooooooppppo lunga.
    A tal riguardo vi consiglio di leggere anche l’articolo di Momo e il suo orto

    http://garda2o.wordpress.com/2008/07/07/filiera-corta-anzi-cortissima/

    Sapete che da un recente studio una portata media che finisce sul nostro tavolo (con tutti i suoi ingredienti) percorre circa 1900 Km!?!?!

    Andrea

  2. Andreaon 21 lug 2008 at 16:11

    Ciao Andrea e grazie del messaggio!

    Anche se i merchant dovessero ritoccare i prezzi in rialzo, il vantaggio rimarrebbe comunque: dalla poltrona di casa visito diversi negozi eliminando tempi di trasferta e costi puri di automezzo. Lo stesso dicasi per l’eventuale costo di trasporto che un e-shop potrebbe chiedere: sempre inferiore rispetto a quanto ci costerebbe andare in negozio a ritirarlo (tempo+costo vivo)

    Prepariamoci comunque ad un aumento generalizzato dei prezzi dal prossimo Settembre (non solo a causa del caro benzina)

    Con ‘la filiera corta’ proposta da Maurizio, è innegabile il vantaggio anche solo in termini di qualità. 😀

  3. Kyaon 21 lug 2008 at 19:43

    Ne stavo parlando proprio qualche giorno fa e sono assolutamente d’accordo con te Andrea.
    Prendevo l’esempio di un noto e-commerce di libri dischi e dvd che da un pò di tempo ha abbassato le spese di spedizione a soli 3,90 euro.
    Per trovare le stesse cose (se ho fortuna e cerco cose molto conosciute, perchè l’assortimento del negozio online non lo batte nessuno) devo farmi 20 km, perdere 3 ore del mio tempo e pagare almeno 2 ore di parcheggio oltre che la benzina.
    E mi vien da sorridere a pensare che c’è ancora chi davanti alle spese di spedizione degli e-commerce storce il naso. Ma due conti li han mai fatti?

  4. Andreaon 21 lug 2008 at 22:09

    Kia, nelle tue condizioni e per l’esempio che hai fatto non c’è dubbio che ci sia convenienza! (anche senza fare due conti)

    Io è dal 2002 che ho un conto con una banca online e credo di essermi recato fisicamente in banca solo una volta per fare un versamento, per il resto faccio tutto comodamente da casa.
    Ho acquistato anche molti prodotti online senza problemi, ma non sempre ne ho verificata l’effettiva convenienza, dipende sempre poi dal tipo di prodotto che si acquista online, dal valore del prodotto, dalla quantità, dalla ripartizione prezzo vivo/spese di spedizione che ti propone l’e-shop (a volte ci giocano).

    Un prodotto, sia che lo si acquisti tramite un e-shop sia che lo si vada a comprare fisicamente in un negozio, si porta dietro una marea di spostamenti (e quindi di aumenti dovuti al caro benzina) che vanno a incidere notevolmente sul prezzo finale del prodotto…le spese di spedizione sono solamente l’ultimo e piccolo anello di una serie di spostamenti che ne fanno lievitare il prezzo…

    Se “per combattere il caro benzina” si intende guardare unicamente alle spese di spedizione allora quando si tratta di un prodotto a basso costo spesso conviene comprare online…in caso contrario non sempre.

    Andrea

Trackback URI | Comments RSS

Lascia un commento

Already a member?
Login
Login usando Facebook:
Passati da qui
E tutti gli altri...
Powered by Sociable!

Get Adobe Flash player
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: