dic 10 2007

un primo passo per il Wi Fi

Published by under e-life

Trastevere Wi FiE’ partita il 9 dicembre l’operazione Trastevere Wi Fi: FON inizia a ‘coprire’ in maniera strutturata il quartiere della Capitale.
Da Fonero non posso che augurarmi che questa sia solo la prima di tante iniziative volte a incrementare l’accessibilità ai servizi on-line. La speranza (e credo anche l’intenot di FON) è di avere Wi Fi dappertutto proprio come è stato fatto nel Regno Unito

Hey FON… che ne dite di un desenzanowifi.com? E’ la capitale del Garda, vive di turismo, è cool, ha utenza…….

Related Images:

No responses yet

ott 19 2007

AICEL e SMAU

Published by under e-commerce

Appena rientrato da SMAU.
145 persone iscritte al seminario e sala piena. Un successo di pubblico (considerate che ‘altri’ hanno raccolto 17 presenze!) in una giornata importante per AICEL.
Oggi infatti abbiamo reso pubblico il nostro programma ma soprattutto il cambio di filosofia dell’Associazione. AICEL assumerà un ruolo attivo nell’e-commerce informando, formando e sostenendo i merchant.

Riprenderò il discorso presto anche perché nei progetti ri-torna Desenzano! 😀

Related Images:

No responses yet

set 14 2007

Blog Desenzano

Published by under e-desenzano,e-life

Blog Desenzano
Daniel Colm, giovane concittadino e blogger, sta tentando di censire tutti i blog tenuti da Desenzanesi.
Nel suo blog, fra un post e l’altro, si legge “Sto cercando di raccogliere più blog possibili della zona di Desenzano per creare una specie di rete…”

E’ una bellissima iniziativa che merita attenzione e supporto da parte di tutti i blogger di Desenzano.
Gli diamo una mano? Magari si potrebbe iniziare a pensare ad un logo un po’ più decente di questo ! 😀

Related Images:

6 responses so far

set 08 2007

Castello di Desenzano: non ha più dignità!

Published by under e-desenzano,e-life

Piccole antenne crescono
Castello di Desenzano - Torre Nord-Est Castello di Desenzano - la torre della specola Città di Desenzano del Garda - la torre nord-est del  castello Castello di Desenzano

Il castello è l’edificio che caratterizza l’aspetto della città di Desenzano. Lo si vede comparire sia provenendo dall’entroterra con la macchina, sia col treno e sia arrivando dal porto o dal lago.

Non è mai stato considerato una costruzione storicamente importante anche se le sue origini possono farsi risalire all’epoca delle invasioni barbariche. (leggi Castello di Desenzano: cenni storici )

Forse è proprio dal fatto che il castello non è importante, negli anni (come dimostrano le foto) si è ben pensato di ‘abbellirlo’ con antenne, misuratori della rete microsismica della Lombardia e ultimamente con i ripetitori wi-fi per i Pannelli a Messaggio Variabile che informano sulla situazione dei parcheggi.

Saranno anche utili tutte quelle antenne, non lo nega nessuno, ma vedere il ‘mio’ castello in quelle condizioni mi rende triste: è come osservare un vecchio indifeso al quale hanno fatto indossare “A birritta cu’ i ciancianeddi‘ per schernirlo e sottrargli tutta la sua dignità!

Related Images:

2 responses so far

set 08 2007

Castello di Desenzano: cenni storici

Published by under

Il ‘nuovo’ Castello di DesenzanoLe sue origini possono farsi risalire all’alto medioevo anche se prima, all’epoca delle invasioni barbariche venne eretto un Castrum Vetus che nel XII secolo venne ricostruito e chiamato Castrum Novum.

Nel 1472 fu ampliato nella parte sud, ma non divenne mai una fortezza militare, anche se l’ingrandimento fu fatto per ospitare una guarnigione di passaggio. Nell’interno del castello c’erano abitazioni di privati cittadini che potevano accogliere, in caso di pericolo, anche coloro che abitavano fuori le mura.

La pianta del castello è di forma rettangolare irregolare, con la torre che si innalza all’ingresso, sul lato nord, a protezione del ponte levatoio, di cui si conservano le feritoie per le catene. È una torre massiccia dotata di finestre solo nella parte superiore.

Nel 1509 fu costruita al suo interno la chiesa di S. Ambrogio, ed altri interventi si susseguirono durante i secoli. In seguito il castello continuò ad essere abitato da famiglie, anche se il suo degrado, per quasi tutto l’Ottocento, procedette sempre più grave. La chiesa di S. Ambrogio fu venduta a privati durante l’occupazione francese del 1798 ed infine distrutta.

Nel 1882 il castello divenne proprietà del Regio Demanio e fu adibito a caserma, prima sede di una guarnigione di fanteria, poi di bersaglieri e infine di alpini dagli anni Trenta fino al 1943. Il vecchio castello, quantunque privo di particolari bellezze architettoniche, a parte la facciata, è dotato di indubbio interesse storico e di fascino scenografico. Dell’antico castello (il cui aspetto medievale andò definitivamente perduto con i lavori del 1883) rimangono alcuni tratti di mura con merli sgretolati fra le quattro torri angolari mozze, ad eccezione di quella sullo spigolo a nord-est che, fino al 1940, funzionò come specola.

Il castello di Desenzano - foto d’epocaIl Castello di Desenzano visto dal porto - foto attualeIl Comune diviene proprietario del castello nel 1969 e cominciò ad elaborare diversi piani di ristrutturazione. Non c’è stata amministrazione che non abbia inserito nel proprio programma la voce “Riqualificazione del Castello”…

Nell’Aprile 2007 sono finiti alcuni lavori di consolidamento e restauro del Castello che lo hanno reso in parte visitabile.

Fonti:
http://www.comune.desenzano.brescia.it/italian/castello.php
http://www.marco-chierici.com/desenzano/arte.php#castello
http://www.gardagreen.com/paesi_Garda/Desenzano.html
http://marcorizzini.wordpress.com/2007/04/23/il-castello-di-desenzano-restituito-alla-citta/
http://cartoline.lombardiainrete.it/BiancoNero/?P=BS&C=00020632XOG&Pager=0

Related Images:

One response so far

mag 03 2007

nascondino elettorale

Published by under e-desenzano,e-life

Mi hanno sempre insegnato che chi si nasconde lo fa perché in difetto e spera così di  sottrarsi alle proprie responsabilità.

Cosa devo pensare quindi degli ‘esponenti politici desenzanesi’ candidati alle prossime elezioni che hanno preferito nascondersi dentro liste civiche anziché dichiarare apertamente il loro schieramento politico?

Analizzando le liste a sostegno dei tre candidati Sindaci a Desenzano,  ci si accorge subito che l’unico candidato Sindaco che palesemente dichiara il suo schieramento è Cino Anelli. Per Enrico Frosi sono presenti 2 liste civiche ma quello che subito balza all’occhio e che Fiorenzo Pienazza non sono presenti i partiti ma ‘liste civiche’!

Ho letto velocemente le liste associate a Pienazza e a Frosi; da Desenzanese non ho impiegato molto ad associare a molti nomi il partito di appartenenza (molti sono militanti di vecchia data, altri transfuga e altri ancora in cerca di una nuova casa ‘politica’)… è stato un po’ come fare il gioco della settimana enigmistica: associa il candidato al partito!

Ma perché nascondersi?
Hanno amministrato così male che preferiscono non dire che sono sempre loro?
Non sono fieri della loro appartenenza politica?
Non sanno più di che partito sono? (vale per quelli della sinistra che dalla svolta della bolognina sono alla ricerca del nome definitivo: pci, cosa, quercia, pds, ulivo, unione, ds, pd…. *LOL*)
Rinnegano i loro ideali e sposano quelli del candidato sindaco? (non credo che un rifondaiolo possa avere gli stessi ideali del candidato Sindaco ex-DC)

Non è più onesto e trasparente dire CHI SONO, COSA PENSO e questo é IL MIO PARTITO e questa la mia IDEA POLITICA?

Related Images:

5 responses so far

apr 04 2007

idee? per ora no grazie!

Published by under e-desenzano

Mancano 2 mesi alle elezioni amministrative 2007 di Desenzano e finalmente appaiono on-line i siti web dei candidati alla carica di Sindaco (Cino Anelli, Enrico Frosi, Fiorenzo Pienazza)

A parte il pessimo layout grafico di alcuni, i contenuti di altri che sarebbero da rivedere totalmente in quanto senza logica comunicativa (il marketing: questo sconosciuto!) e l’ approccio tipo da volantino ‘cartaceo’ di altri,  ho notato 2 cose in particolare:

– nessuno candidato Sindaco è andato on-line con programmi/idee/progetti futuri
– nessun candidato Sindaco ha capito cosa è il web e come usarlo

Per le idee e i programmi spero solo sia un problema di ‘work in progress’ (assolutamente sbagliato dal punto di vista comunicativo) e non che sia una mancanza di idee come prospettato nel mio post ‘se io fossi Sindaco…‘ 

Il secondo punto.. bhe.. guardate i siti e capirete cosa intendo!

 

Web 2.0? Social Network? Comunicazione Interattiva? …… cose che appartengono (ahimè) ad un mondo diverso da quello della politica (o forse semplicemente questa non è Politica?)

Dal Cluetrain Manifesto:
Ci stiamo svegliando e ci stiamo linkando. Stiamo a guardare, ma non ad aspettare.
Se quest’anno avete tempo anche per una sola idea, questa è la sola da non perdere
Non siamo spettatori, né occhi, né utenti finali, né consumatori
Siamo esseri umani e la nostra influenza va al di là della vostra capacità di presa. Cercate di capirlo

Related Images:

2 responses so far

mar 24 2007

se io fossi Sindaco….

Published by under e-desenzano

Non ho idea di cosa farei se fossi Sindaco, ma nella remota e improbabile possibilità che un domani decidessi di candidarmi alla carica di Sindaco, sicuramente avrei le idee chiare Se tu fossi sindaco cosa faresti?e mi presenterei con un programma concreto e reale sviluppato su un punto cardine: la città per i cittadini.

Eviterei senza ombra di dubbio di affiggere in tutti gli spazi comunali un manifesto elettorale come questo fatto da Forza Italia per la (ri)candidatura a Sindaco della Città di Desenzano di Felice Cino Anelli

Quando mi chiedi “Se tu fossi sindaco cosa faresti?” anziché essere ‘felice’ perché vuoi sapere le mie idee (almeno credo che questo fosse lo scopo del manifesto), divento molto preoccupato.
Preoccupato perché una domanda di questo tipo mi fa pensare che:
– sei profondamente falso e pur di avere il mio voto menti e provi a circuirmi mostrandoti realmente interessato alle mie idee;
– sei totalmente privo di idee;
– sei incapace di vedere le priorità di intervento nella Città che vuoi governare;
– non hai un progetto politico a media/lunga scadenza e ne vuoi costruire uno ad hoc per accontentare quanti più possibile;

Io cittadino voto te candidato Sindaco perché condivido buona parte delle tue idee e di quelle della tua coalizione, condivido molti tuoi valori e il tuo pensiero politico.
Col mio voto delego te, futuro Sindaco, a governare la mia Città in modo eccellente e nel rispetto delle ‘nostre’ idee condivise.

Non ti chiedo di mostrarmi un programma (il passato ci ha insegnato bene quanto valga una tua promessa) o di rendere pubblica la squadra che sceglierai : queste cose lasciamole a chi vende fumo agli elettori.
Dimmi chi sei, cosa pensi, in cosa credi, chi rappresenti, chi ti sponsorizza, quali posizioni hai preso in merito a determinati argomenti: racconta CHI SEI VERAMENTE.

Non chiedermi di regalarti le mie idee…. sei tu che ci tieni a (ri)fare il Sindaco!

Related Images:

2 responses so far

mar 12 2007

Il lago a Desenzano

Published by under e-desenzano,e-life

Ogni tanto mi piace scendere a lago (100 metri da casa) per gustare il panorama e quando si incontra una giornata come quella di ieri è davvero uno spettacolo!

Il lago di Desenzano

Related Images:

3 responses so far

feb 03 2007

Perché “Pensieri su Ruote”?

Published by under

Principalmente perché la maggior parte dei miei “liberi” pensieri nasce durante i tragitti casa/ufficio e ufficio/casa.
Ogni giorno sistematicamente imbocco l’ autostrada con la mia automobile a Desenzano e ne esco 20/30 minuti dopo a Brescia Ovest.
Un tragitto standard, ripetitivo che non richiede livelli di attenzione altissimi (sono molto prudente nella guida e non amo la velocità) e che lascia la mente libera di vagare.
Ho imparato negli anni ad utilizzare questo tempo per mettere a fuoco e definire quanto mi ha colpito, ho letto, ho discusso, ho sentito alla radio o in TV e su quanto la mia mente elabora durante l’intera giornata.

Pensieri su Ruote non ha nessuna pretesa, non deve insegnare nulla a nessuno, non deve piacere a nessuno, non deve essere per forza letto da qualcuno. Serve solo al suo autore per mettere nero su bianco (sarebbe meglio dire pixel su pixel) alcune riflessioni

Related Images:

No responses yet

« Prev - Next »

Get Adobe Flash player