ott 12 2008

Brunetta: ma cosa dici? così è il suicidio dell’Italia

Scritto da il 16:10 in e-politica Stampa Articolo Stampa Articolo

Massimo Mantellini ha appena pubblicato un post sul Ministro Brunetta e La Fuga del (suo?!?) Cervello.
Riporta un ariticolo dove il Ministro (più amato dagli italiani) sostiene che i 2636 ricercatori in esubero  

non sarano a spasso, si cercheranno qualcos’altro da fare. Altri progetti, altre esperienze, magari in giro per il mondo. Siamo chiari, la ricerca e’ questa. I ricercatori sono un po’ capitani di ventura, stabilizzarli e’ un farli morire

Ma che dice il Ministro? Semmai è vero il contrario. I ricercatori non sono capitani di ventura, non sono imprenditori in cerca di profitti. Sono persone che hanno deciso di dedicare la loro vita allo studio e alla sperimentazione sapendo che la maggior parte delle volte non rimarrà loro neanche la gloria.

Per poter usare al meglio le loro capacità e mettere il ‘cervello’ a disposizione delle comunità hanno bisogno di una certa tranquillità economica, di continuità e di stabilità. 

Ci sono settori dove la ricerca è abbondamente finanziata dai privati, ma altri dove senza l’intervento statale non ci sarebbe ricerca.

Una azienda che non investe in ricerca e sviluppo è destinata a morire. Uno Stato che non investe nella ricerca e che permette la fuga dei cervelli che fine farà?

E pensare che Brunetta mi era simpatico…….

8 commenti

8 Risposte a “Brunetta: ma cosa dici? così è il suicidio dell’Italia”

  1. giampaolo haveron 13 ott 2008 at 11:27

    Ho sempre pensato che il Brunetta, vista la sua statura, abbia la testa troppo vicino al culo, per cui si crea un pò di confusione di ruoli. buona giornata a tutti! ( a lui no, per carità!)

  2. kaston 13 ott 2008 at 14:52

    Io penso che un Italiano, ricercatore o meno, quando diventa statale diventa automaticamente uno scansafatiche come l’ultimo degli usceri (ci sarà sempre l’eccezione che conferma la regola).
    A Giampaolo Haver dico che lui è “alto” molto meno della metà di Brunetta.

  3. italianibravagenteon 13 ott 2008 at 17:11

    Un po’ come dire che tutti coloro che hanno una partita IVA diventano evasori; un po’ come dire che tutti quelli che nascono in famiglie mafiose poi votano forza italia; un po’ come dire che tutti gli europarlamentari assentesiti poi diventano ministri della repubblica.
    Un po’ come dire che tutti quelli che si firmano kast scrivono idiozie.

  4. prillion 13 ott 2008 at 17:27

    chi volesse può mandare una mail al Presidente Napolitano sul sito http://www.quirinale.it chiedendogli di non firmare il decreto gelmini. migliaia di persone lo hanno già fatto ma dobbiamo arrivare a 20000. ciao a tutti

  5. francescoon 13 ott 2008 at 17:55

    ricordate, che cosa di piu’ farla che non farla, la ricerca….quindi che questi signori vadano a cercarsi le loro soddisfazioni all’estero….tanto le cose di cui abbiamo bisogno, vengono pensate, progettate e realizzate o negli Usa onei paesi orientali…….la gente non ha i soldi per il pane e il nostro governo dovrebbe pagare gente per ricercare cosa o chi!!!!!!!

    W Brunetta for ever

    abbasso i fannulloni, assenteisti e falsi malati

    chiudo, parlando proprio dei maestri…..ma spett. Prilli, lei ha frequentato la scuola con 6 insegnanti o con uno solo?
    Ha avuto difficolta’ varie nel proseguio della sua formazione scolastica?
    Per favore, non ditemi che ci saranno esuberi, perche’ se ci saranno dovranno andare a protestare da coloro i quali li utilizzavano i loro voti per dare addosso a Berlusconi, ma avete capito che non ci sono piu’ soldi?

  6. Davidon 13 ott 2008 at 21:51

    Mi sento un po’ tirato in ballo come “capitano di ventura”.

    Bazzico nel mondo della ricerca dal 1994 e ogni anno ho visto le cose andare sempre peggio. Per fortuna vedo ancora oggi giovani (fino a 40 si è giovani????) di talento tenere duro con contratti a termine rinnovati di 6 mesi in 6 mesi.

    Un mio collega (il mio più stretto collaboratore), coetaneo della Ministra, bresciano anche lui, giusto a dicembre del 2007 mi ha detto che avrebbe mollato il lavoro di Ricercatore Universitario (1400 Euro/mese per 13 mensilità) per andare a fare un lavoro diverso (consulente alla http://www.mckinsey.it/) dove probabilmente guadagna 5 o 6 volte tanto, senza contare i benefit.
    Cosa potevo dirgli…. aspetta una quindicina di anni e vedrai che un concordo da associato salterà fuori… tieni duro…
    io non me la sono sentita… abbiamo perso un ottima risorsa per l’università italiana e basta.
    O forse era uno scansafatiche statale anche lui???? boh?

  7. FIOREon 24 ott 2008 at 11:29

    rispondo a francesco e a Kast. Razza di cretini se voi aveste in famiglia un malato grave di una patologia rara per la quale non è prevista cura (e ti va in cancrena piedi e mani) per la quale l’unica speranza di guarigione è la ricerca…. e frequenti in continuazione gli ospedali, dove i medici per incoraggiarti ti dicono..” la ricerca continua.. prima o poi una cura la troviamo…. “e ci sono bambini e ragazzi che hanno questa unica speranza…. ma poi che cazzo sto a parlare con dei deficenti….. se fossi come voi vi augurerei di provare ma per fortuna non sono come voi che al posto della materia grigia avete cacca…

    Oltretutto non stiamo a dire che i dipendenti privati sono meglio dei pubblici perchè vi farei un elenco talmente lungo di casi eclatanti che vi sprofonderei. Paolo Villaggio in “Fantozzi” descrive benissimo la situzione dei dipendenti di una ditta privata (lui ci ha lavorato per 13 anni e da lì ha preso spunto per il suo personaggio) e non di dipendenti pubblici.. alla trasmissione porta a porta l’ha detto al ministro Brunetta (ma lui, il ministro, combatte solo i pubblici perchè solo quelli conosce.. e non perchè lui si occupi della funzione pubblica perchè le malattie la paga l’INPS ai pubblici e ai privati…!!!!)

  8. Francescoon 02 nov 2008 at 14:26

    carissimo Fiore, la ricerca si deve fare, ma negli Usa, in Giappone, in Cina…tanto in Italia non c’e’ motivo di farla…….poi tu dall’alto del tuo sapere, dimmi quali grandi scoperte e in quali campi sono state fatte in Italia!!!!

    Off topic……vedi anche quella mega cretinata fatta in svizzera, centinaia di milioni di euro, buttati nel gabinetto, solo per vedere 2 particelle scontrarsi…..ma perche’ non fanno cose piu concrete.

    Ps comunque grazie per le tue, gentilissime parole, spero che tutto cio’ che hai detto a me ti ritorni indietro per almeno il doppio!!!!!!!

Trackback URI | Comments RSS

Lascia un commento

Already a member?
Login
Login usando Facebook:
Passati da qui
E tutti gli altri...
Powered by Sociable!

Get Adobe Flash player
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: