- Andrea Spedale – il blog - http://www.spedale.com -

Unpacking Smau Brescia 2009: riassunto

Ieri l’Unpacking Smau Brescia 2009.

Immagine anteprima YouTube [1]

Come già scritto altrove [2], ho visto cose che cose che voi umani vedrete solo da oggi: un monitor 3D, una startup del futuro, un notebbok resistere ad una caduta e all’acqua, uno scanner alimentato da USB, un netbook con più di 9 ore di autonomia e ha visto anche scrivere unpUcking sul cartellone delle dediche (riguardandolo oggi mi sono convinto che sia stato un errore voluto…!) 😉

Ho incontrato nuovi amici (i blogger sono persone quasi normali!!!), avuto modo di scambiare idee e apprezzare alcuni ragionamenti.
Presenti (ma sono sicuro che mi manca qualcuno) Roberto Filippini [3] Roberto Felter [4] Agostino Caniato [5] Tiziano Fogliata [6] Mauro Chiarello [7] Marco Scano  [8] Roberto Favini  [9] Elena Franco [10] Paolo Valenti [11] Francesco Merli [12] Francesco Lodolo [13] Alberto De Rui [14] Cristiano Belli [15] Roberto Co [16]

Spero nei prossimi giorni di riuscire a raccontare qualcosa di più!

Unpacking Smau Brescia 2009

Tweet [17]
3 Comments (Open | Close)

3 Comments To "Unpacking Smau Brescia 2009: riassunto"

#1 Comment By MAvero On 26 marzo 2009 @ 08:04

L’unpUcking me lo sono perso!!
Piacere di averti conosciuto Andrea, spero avremo altri eventi da condividere!

#2 Pingback By Senza Filtro | Unpacking Smau – The Day After On 27 marzo 2009 @ 23:31

[…] Andrea Spedale: Come già scritto altrove, ho visto cose che cose che voi umani vedrete solo da oggi: un monitor 3D, una startup del futuro, un notebbok resistere ad una caduta e all’acqua, uno scanner alimentato da USB, un netbook con più di 9 ore di autonomia e ha visto anche scrivere unpUcking sul cartellone delle dediche (riguardandolo oggi mi sono convinto che sia stato un errore voluto…!)… […]

#3 Pingback By CoRobi » I bloggers dell’Unpacking Smau On 28 marzo 2009 @ 17:16

[…] prospettive di Roberto Felter, Tiziano e Wolly, alle considerazioni di Agostino, Marco, Cristiano, Andrea e soprattutto Mauro, a cui si deve anche la preparazione dell’evento. Conoscere gli altri […]