- Andrea Spedale – il blog - http://www.spedale.com -

eBay condannata: 40 milioni di euro di risarcimento per non aver impedito la vendita di articoli falsi

EBay [1] e’ stata condannata da un tribunale parigino a versare 38,6 milioni di euro di danni e interessi al leader mondiale del lusso LVMH [2] proprietario dei marchi Louis Vuitton, Christian Dior, Kenzo e Givenchy .

Nel settembre 2006 eBay era stata denunciata dalla Holding, perché a loro dire, non era intervenuta bloccando le aste  di prodotti chiaramente contraffatti. Per il colosso francese, ebay non poteva non sapere e il mancato intervento sarebbe stata una negligenza grave che avrebbe agevolato l’illegalità. LVMH aveva chiesto 47 milioni di dollari a titolo di risarcimento.

Mi è capitato più volte di affrontare questo ‘problema’ eBay [3]. Nel mio piccolo mi sono sempre domandato come eBay potesse dichiararsi non responsabile di quanto venduto attraverso il loro portale.  Mi capitò anche, durante il  convegno IL COMMERCIO ELETTRONICO E LE ASTE ON LINE [4], di fare la stessa domanda direttamente all’Avv Pacini (allora Responsabile Ufficio Legale eBay Italia). La risposta [5] fu ovviamente:’Non è compito di eBay…. Per questo esistono le autorità preposte’.

La sentenza di condanna, che ha accolto totalmente la richiesta di risarcimento, sembrerebbe affermare il contrario. Secondo alcuni analisti questa sentenza potrebbe rimettere in discussione l’intero modello di business di eBay. Il colosso statunitense potrebbe infatti essere obbligato ad una maggiore supervisione e ingerenza nelle transazioni commerciali.

Speriamo.. non può che essere un bene per i merchant [6] e soprattutto per i consumatori

Tweet [7]

Related Images:

2 Comments (Open | Close)

2 Comments To "eBay condannata: 40 milioni di euro di risarcimento per non aver impedito la vendita di articoli falsi"

#1 Pingback By Intervista rilasciata a Pangora Blog On 6 Luglio 2008 @ 23:18

[…] recente condanna inflitta ad eBay e su come questa possa influenzare negativamente l’e-commerce […]

#2 Pingback By Intervista On 10 Luglio 2008 @ 17:58

[…] parlando della condanna inflitta ad eBay sono riuscito a rimanere su un livello mmhh  diciamo professionale […]