Archive for agosto, 2008

ago 31 2008

Lago di Garda: mafie nostrane e d’importazione

Published by under e-desenzano,e-life

I<<sono venuti qui gli uomini della Digos, mi hanno vivamente consigliato di far denuncia e soprattutto di non prendere sottogamba le minacce. È stata investita della cosa anche la Direzione antimafia». Sì, perché la situazione nel Garda agiscono mafie nostrane e d’importazione. E la trasformazione di terreni agricoli in edificabili ne farebbe schizzare il prezzo alle stelle.
Fonte: Il Giornale

Non è una notizia ‘nuova’; ogni abitante del Lago di Garda e di Desenzano in particolare non può far finta di non sapere, ma leggerlo in toni così chiari fa sempre un certo effetto! Altro che ediliza col barbatrucco! GOSH!

Domanda della sera: chi trasforma i terreni da agricoli ad edificabili?

Related Images:

No responses yet

ago 31 2008

Alitalia: un dovere partecipare agli utili, un diritto accollarvi i debiti

Published by under e-life,e-politica

“Non ci regalano Alitalia un dovere accettare questa sfida”

Questo è il titolo dell’intervista rilasciata da Roberto Colaninno ad Ezio Mauro di Repubblica. Già il titolo lascia presagire molto!!

E qual è invece il ragionamento che l’ha convinta a muoversi?
“Provo a dirlo in modo semplice: la responsabilità. Se fai l’imprenditore, una sfida come questa ti chiama, come un dovere.

Anche io sento il dovere di partecipare a questa sfida… dove devo firmare?

Ma è una partita che si gioca con strane regole costruite su misura per voi, non le pare?
“Senta, spero che a nessuno venga in mente che qui ci stanno regalando qualcosa, prima di tutto perché nessuno mi ha mai regalato niente, e poi perché il rischio è grosso così…”.

Parliamone… anche io sento mi sento in diritto di non avere nulla in regalo…

Va bene, ma la sua etica da imprenditore non ha niente da dire sul fatto che tutto il rosso di Alitalia – uomini e debiti – si scarichi sullo Stato, come ai bei tempi democristiani dell’Efim?
“Mi scusi, ma lei sa dirmi come possiamo salvare questa azienda se non si fa così? Io, con tutta la buona volontà, non sono mica mago Merlino. Qui l’azienda è cotta, non c’è più, non c’è più niente.

Verità!?! Ma come? Se non c’è più nulla com’è che nasceranno due aziende? (Newco e la ‘Bad Alitalia’) Diciamo che in Bad Alitalia non c’è più niente.
Io mi sento in dovere di partecipare ai profitti della Newco ma di diritto mi accollo parte dei debiti della’Alitalia. Com’è sta storia?

Ma non le viene in mente che a queste condizioni d’eccezione tutti sarebbero capaci di vincere la sfida?
“E che lo facciano allora, che vengano. Non è che qui ci sia una cosca che si divide protezioni e benefici. Diciamola tutta una buona volta: non ho avuto benefici nemmeno a Telecom,

A chi devo mandare la richiesta? Il dovere chiama!!!

Con l’utile garantito della vendita tra qualche anno dell’azienda risanata, utile per voi privati, debiti per lo Stato: non è un privilegio?
“Dello Stato abbiamo già parlato. Quanto ai privati, che vendano secondo convenienza fa parte della logica di mercato. Non sfruttiamo il pubblico, cogliamo un’opportunità di mercato, ma attenzione: il risultato sarà dato da quell’opportunità più le nostre capacità e il nostro impegno.

Credo di essere capace, ho un forte senso del dovere e mi impegno molto…

Un’ultima domanda: cosa le ha detto dell’operazione Alitalia suo figlio Matteo, ministro ombra dell’Industria del Pd, che sta all’opposizione di Berlusconi?
“Lui critica le idee di Berlusconi, e io lo rispetto. Lui rispetta me come imprenditore. Andiamo avanti così, e ci vogliamo bene”.

Destra o Sinistra non fa sdifferenza, l’importante è volersi bene (e fare affari)

No responses yet

ago 30 2008

Il cambio tariffe di TIM e VODAFONE: avviato procedimento

Published by under e-life

Una notizia che pubblico con particolare piacere:

ANTITRUST ACCOGLIE ESPOSTO ALTROCONSUMO NUOVE TARIFFE TELEFONIA CELLULARE: AVVIATO PROCEDIMENTO CONTRO TIM E VODAFONE
L’Autorità garante della concorrenza e del mercato ha annunciato l’avvio di un procedimento contro gli operatori Tim e Vodafone per i cambiamenti dei piani tariffari, come richiesto formalmente da Altroconsumo con un esposto. L’Antitrust ha accolto i rilievi mossi da Altroconsumo, ravvisando estremi di pratiche commerciali ingannevoli e omissive. I cambiamenti potranno essere sospesi.
Nella comunicazione di avvio del procedimento, si legge che “esistono i presupposti perché l’autorità deliberi la sospensione provvisoria delle pratiche descritte” (cioè dei cambiamenti dei profili tariffari annunciati in agosto), perché le pratiche commerciali potrebbero “considerarsi ingannevoli e omissive”.
Alla luce di quanto dichiarato dall’Autorità, Altroconsumo chiede a Time Vodafon di sospendere i cambi dei piani tariffari annunciati e invita gli utenti a rifiutare i cambiamenti proposti dai due operatori.
Secondo l’associazione indipendente di consumatori i rincari previsti per profili medi di utenza in un anno vanno da 49 sino a 83 euro, con picchi d’aumento sulle singole telefonate di oltre il 100%.

Avevo trovato alquanto disdicevole il comportamento di TIM quando il 3 Luglio inviò a Fabiana questo SMS

Dal 6 Agosto l’attuale meccanismo di auto ricarica cesserà. Aderisci gratis alla nuova autoricarica: chiama 4916. Per Info/Recesso senza penali www.tim.it/negozi

Ancora più riprovevole il fatto che TIM si fosse dimenticata di avvisare anche me!!
Ma io sono un vecchio abbonato (da almeno 15 anni) e come disse il Dott. Scarpa: <Povero vecchio abbonato di merda.>>

Ma adesso sono contento e sarà ancora più piacevole abbandonare TIM….

One response so far

ago 28 2008

webchising: forse un modo per guadagnare qualche spicciolo esiste!

Che non creda nell’iniziativa di shop.it come ‘modo’ di fare e-commerce e guadagnare facilmente è abbastanza noto.

Per quanti ancora sono convinti di poter accumulare ricchezze utilizzando il webchising, non mi rimane che segnalare una nuova fonte di guadagno messa a disposizione dallo staff di shop.it: il programma di affiliazione attraverso tradedoubler!

Affiliati subito!
Scopri le tue commissioni:
– 0.50 Euro per ogni registrazione proveniente dal tuo sito
– 3 Euro per la prima vendita effettuata sul negozio aperto dietro tua segnalazione

0,50 Euro per ogni negozio aperto e 3 euro per la prima vendita effettuata più gli alti guadagni dei miei negozi su shop.it! già conto le banconote! 😀

Forza! Buttiamoci tutti nell’e-commerce!! *ROTFL*

 

Aggiornamento del 3 Settembre

Adesso anche i publisher ZANOX  possono aderire al programma Webchasing. Maggior info qui

No responses yet

ago 28 2008

c’è sempre una prima volta: BlogFest 2008

Published by under e-life

Non ho mai partecipato ad un BarCamp, ma c’è sempre una prima volta no? Ho deciso quindi di partecipare (o almeno ci proverò) all’AdvCamp all’interno della Blogfest 2008 di Riva del Garda.

Sarà anche un’occasione per ritrovare vecchi amici e sopratutto per incontrare quelli nuovi 😉

8 responses so far

ago 27 2008

Alitalia: mancava solo Fantozzi!

Published by under e-life,e-politica

La ‘bad company’ sarà affidata a Fantozzi?
Sarebbe anche divertente se non fosse tragicamente vero! Sic
(con tutto il rispetto e la stima verso l’ex Ministro Augusto Fantozzi)

Ecco la notizia

No responses yet

ago 26 2008

ALITALIA

Published by under e-life,e-politica

Io credo: risorgerò,
questo mio aero vedrà il Salvatore !

Esce allo scoperto la cordata ed è interessante constatare l’abilità dei soliti noti di uscire dalla porta per poi rientrare dalla finestra (di destra o di sinistra non fa alcuna differenza).
La notizia:

I potenziali investitori in Alitalia si sono riuniti ieri per la prima volta sotto la regia di Banca Intesa per mettere a punto gli ultimi dettagli dell’operazione. Il ruolo di “pivot” nella cordata dovrebbe spettare a Roberto Colaninno, disposto secondo indiscrezioni a investire con la Immsi circa 200 milioni ricevendo in cambio (con l’ok di tutti i soci ribadito ieri) il ruolo di presidente con deleghe forti dal punto di vista strategico. Carlo Toto girerebbe per circa 300 milioni la sua Air One alla newco e ne reinvestirebbe circa un centinaio, probabilmente con il ruolo di vicepresidente.

La poltrona di amministratore delegato andrà invece a Rocco Sabelli che ieri ha illustrato le linee di massima del piano Fenice ai futuri azionisti: il progetto – cui lui stesso ha lavorato nelle ultime due settimane e ancora da finalizzare in alcune parti come la partnership strategica (Lufthansa, interessata pure ad Austrian, è in pole) – prevede una compagnia più snella, con un ritorno parziale a Malpensa, molto outsourcing e una quota vicino al 65% del mercato domestico.

All’incontro di ieri hanno partecipato anche altri gruppi pronti a mettere sul piatto cifre importanti anche se un po’ meno significative (in linea di massima sotto i 50 milioni): le famiglie Fossati e Riva, Sintonia (gruppo Benetton), Aponte, la Fingen dei toscani Fratini (quelli che hanno lanciato i jeans Rifle), il gruppo Ligresti e i fondi Equinox e Clessidra. Alla fine il parterre di soci dovrebbe arrivare a una quindicina di nomi tra cui Pirelli( nda Tronchetti Provera), Marcegaglia e Gavio.

Ma la chicca che passerà inosservata grazie alla bagarre che scatenerannno i numeri (presunti, reali, indicati, smentiti…) degli esuberi è a mio avviso la ‘bad company‘:

Rocco Sabelli, ha illustrato ai soci privati il Piano Fenice” messo a punto a Ca’ de Sass dal board di Banca Intesa. Il piano prevede lo spacchettamento della compagnia in due tronconi: da una parte ci sarà la nuova società sostenuta dalla cordata italiana e integrata con l’AirOne di Toto, dall’altra la vecchia Alitalia, una “bad-company” carica di debiti e di personale da liquidare.

Una azienda spazzatura dove esuberi e debiti saranno scaricati senza troppi convenevoli. In sostanza ‘i soliti noti’ pubblicizzano il debito e privatizzano gli utili (FIAT docet)

Tutta la mia solidarietà a quanti perderanno il lavoro e a quanti non vedranno MAI PAGATI i loro crediti!.

No responses yet

ago 24 2008

iPhone, tutti in coda ma a pagamento!

Published by under e-life

Notizia pubblicata dalla Reuters:

In Poland, people are getting paid to line up.

“We have these fake queues at front of 20 stores around the country to drum up interest in the iPhone,” a spokesman said.

As part of a marketing campaign ahead of the iPhone’s Friday launch in Poland, the country’s largest mobile operator Orange is paying dozens of actors to stand in queues

E considerato che in spiaggia non ne sto vedendo molti, inizio a pensare che anche da noi Apple/Tim/Vodafone sono ricorsi ai figuranti per cercare di sostenere la vendita dell’iPhone! *ROTFL*

No responses yet

ago 23 2008

chi l’ha detto?

Published by under e-politica

15 Marzo 1990

dobbiamo riconoscere che il vero problema è quello della responsabilità del pm per l’esercizio delle funzioni. Sono convinto che questa risposta istituzionale ai pericoli di deviazione della repressione penale non è coerente coi principi vigenti in regimi liberaldemocratici maturi e, sopratutto, determina concreti pericoli di incoerenza e disorganicità nella repressione penale. Mi sembra quindi giunto il momento di razionalizzare e coordinare l’attività del pm finora reso praticamente irresponsabile da una visione feticista della obbligatorietà dell’azione penale e dalla mancanza di efficaci controlli della sua attività

3 Ottobre 1991

Un sistema accusatorio parte dal presupposto di un pubblico ministero che raccoglie e coordina gli elementi della prova da raggiungersi nel corso del dibattimento, dove egli rappresenta una parte in causa… E nel dibattimento non deve avere nessun tipo di parentela col giudice e non essere, come invece oggi è, una specie di giudice. Il giudice, in questo quadro, si staglia come figura  neutrale, non coinvolta, al di sopra delle parti. Contraddice tutto ciò il fatto che, avendo fortmmazione e carattere unificate, con destinazione e ruoli intercambiabili, giudici e pm siano, in realtà, indistinguibili gli uni dagli altri.

Vi invito a leggere l’interessante articolo del Il Giornale di Sicilia

No responses yet

ago 13 2008

Registro Italiano in Internet

Published by under e-life

Qualche tempo fa ho segnalato, fra le altre truffe, anche quella tentata da parte della DAD Deutscher Adressdienst GMBH di Amburgo.

Ci sono voluti 3 mesi ma alla fine sembra che almeno l’Antitrust sia messo in movimento: Antitrust, occhio alle guide commerciali su Internet

Oltre alla già citata DAD, l’antitrust segnala anche CD Publisher Construct Data Verlag GmbH, Nova Channel AG, European City Guide S.L. ed Eu Business Services Limited.

Mancano ancora i ‘nostri amici italiani‘ ma sono sicuro che a breve sentiremo paralre anche di loro 😉

5 responses so far

Next »

Get Adobe Flash player