Archive for novembre, 2006

nov 29 2006

Anche i ricchi piangano.. ma che almeno i poveri possano sorridere!!

Published by under e-life,e-politica

Stasera sono rimasto colpito da un episodio raccontatomi da mio padre e che ho subito collegato al manifesto politico di Rifondazione Comunista adottato poi da tutta l’Unione a difesa della Finanziaria 2007:

Anche i ricchi Piangano - Manifesto di Rifondazione Comunista per la finanziaria 2007

Anche i ricchi piangano. Rispettare il programma, Difendere i più deboli

Giustissimo.. i deboli devono essere difesi e aiutati. Chi non lo condivide?
Magari potremmo avere delle riserve su “i ricchi piangano” ma è questione di ‘pensieri’ e ideologie politiche.
Quello che sicuramente e universalmente inaccettabile è che questi slogan servano solo per fare campagna elettorale.Ma veniamo al fatto…un vecchietto che ha bisogno di applicazioni mediche (ionoforesi per l’esattezza) si è trovato costretto a rinunciare perchè non poteva permettersi il ticket richiesto!
Non stiamo parlando di cifre astronomiche.. ma di 24,80 Euro!!!! ( tabella costi delle prestazioni dell’ Azienda Ospedaliera di Desenzano )
Cifra insignificante per la stragrande maggioranza di noi, inesistente per i ricchi che preferiranno sicuramente ricorrere al fisioterapista a domicilio e in centri benessere esclusivi.

Ma per quel povero signore.. non ricco, debole solo per il fatto di essere anziano…. per lui 24,80 Euro sono una cifra importante, talmente importante da rinunciare alla cura.
Anche adesso che scrivo, nel solo pensarci, mi si chiude il cuore, mi aumenta la rabbia.. vorrei poter essere presente in quel momento e poter trovare il modo di permettergli quelle cure senza offendere la sua dignità di persona…
Dignità offesa invece dall’ipocrisia politica, dalle false ideologie, dai manifesti ad effetto, dagli slogan elettorali…

I nostri governanti dichiarano di voler “ridistribuire” la ricchezza facendo pagare le tasse a chi non le paga e di agire secondo un principio di equità fiscale, sintetizzato nello slogan di rifondazione comunista “Anche i ricchi piangano”.

Anziché preoccuparsi di come far piangere i ricchi, sarebbe più ‘etico’ per lo Stato Italia preoccuparsi di come far sorridere tutti, in primis i deboli.

Related Images:

No responses yet

nov 26 2006

L’influenza del Blog nel processo di acquisto

“We all trust people’s opinion in the real world. Now we’ve proven the same link online, and it’s having a major impact on people’s buying behavior.
Word of mouth is no longer restricted to close friends and family, it can have the same level of influence upon millions of people across the world.

Questo il succo della ricerca condotta da IPSOS MORI sull’impatto dei Blog nel processo di acquisto.
Ma queste non sono parole simili a quelle usate nelle 95 asserzioni del ‘The Cluetrain Manifesto‘ del quale ho scritto giusto ieri ??

Dalla ricerca condotta nel mese di Settembre 2006 su un campione di 2.214 cittadini Europei attivi in rete, è emerso come i blogs stiano diventando una reale forza nell’advertising dei prodotti.
I blogs sembrano godere di una credibilità seconda solo agli articoli dei quotidiani. (30% quotidiani, 24% blogs, 17% spot TV, 14% e-mail mktng).

i blogs hanno un'alta credibilità
La percentuale di credibilità sembra inoltre essere strettamente legata al valore medio degli acquisti. La fiducia riconosciuta ai blog sale al 30% fra quanti spendono più di 145,00 Euro al mese in acquisti on-line!

chi più spende più crede nei blogMa ancora più importante sembra essere la capacità dei blogs di ‘bloccare’ o ‘favorire’ il processo di acquisto: circa un terzo degli intervistati (che corrisponderebbe a circa 40 milioni di cittadini) ha rinviato l’acquisto dopo aver letto commenti postati nei blogs!

Gli slides della ricerca sono scaricabili dal sito IPSOS MORI

2 responses so far

nov 25 2006

Il cluetrain manifesto

Ne avevo sentito parlare e superficialmente l’avevo giudicato come la classica moda passeggera del mondo web… l’ho riscoperto recentemente e inizio ad essere convinto di aver preso un grosso abbaglio.
Ne sentiremo parlare sempre più spesso specialmente adesso che i blog stanno maturando ed entrando nella loro fase altamente comunicativa.

Il Cluetrain Manifesto è stato redatto nel 1999 da comunicatori professionisti capeggiati da Rick Levine, già consulente della IBM. E’ un manifesto vero, con 95 tesi e un invito a firmarlo e a discuterne. L’obiettivo è una vera “riforma” del linguaggio con cui le aziende comunicano nell’era di Internet.

La tesi sostenuta da cluetrain è che il marketing tradizionale è morto!

Internet (non solo il web! questa specificazione è fondamentale ) è fatto di conversazioni reali tra persone reali in tempo reale.
In un mondo così dinamico e con un’alta veicolazione delle informazioni, tutto quello che è falso o precostituito non può essere efficace perchè viene immediatamente smascherato e quindi espulso dalla comunità.

La comunità è alla ricerca di ‘esperienze vere’ e di ‘valutazioni reali’ ed aborra la retorica aziendale che enfatizza il messaggio per ottenere la massima efficacia.

Nel mondo online (INTERNET e non solo il web!) gli individui sono molto più evoluti delle organizzazioni e delle aziende cui appartengono.
Il singolo utilizza gli strumenti internet per relazionarsi con altri individui: scrive e comunica con un linguaggio vero, quotidiano, comune e non con il linguaggio asfittico, piatto, vuoto, enfatico e vecchio delle aziende… il marketing transazionale (o tradizionale) è quindi morto!

Ed è proprio la capacità del singolo di saper comunicare in modo nuovo che fa capire la genialità e l’importanza del Cluetrain Manifesto

I cittadini (i nuovi comunicatori) sono anche consumatori e quindi sono il mercato…. se vogliamo parlare con loro, allora dovremo iniziare a farlo con voce umana, in modo diretto, aperto, vero…

Related Images:

No responses yet

nov 21 2006

AICEL: cresce l’Associazione del Commercio Elettronico

Published by under e-commerce,e-life

Associazione Italiana Commercio ElettronicoL’Associazione Italiana del Commercio Elettronico (AICEL) continua ad attirare merchant in cerca di chiarezza nella giungla del nostro sistema normativo.
Ogni giorno arrivano sul Forum di Aicel sia merchant già operativi da tempo che merchant alle prime armi; tutti i commercianti sono accomunati dalla stessa esigenza: avere certezze sugli obblighi, doveri e diritti del commerciante on-lineIn Aicel è stata creata la prima (e unica fino ad oggi) Rassegna della Disciplina Applicabile all’e-commerce: una raccolta delle principali norme applicabili al commercio elettronico (senza pretesa di completezza considerata anche la mutevolezza del nostro settore).

I forum Burocrazia e Riferimenti Normativi sono infatti le aree di Aicel più seguite in assoluto (e ultimamente anche fonte di ispirazione per altri forum…) a dimostrazione di quanto sia avvertito il problema dagli operatori.

L’ arretratezza del commercio elettronico italiano rispetto a quello dei cugini europei e americani, così come i dati forniti da Aicel dimostrano, è probabilmente dovuta anche a questo aspetto.

————- Ecco come sono presentati i forum di Aicel ———–

Burocrazia
Cosa devo fare per…..? Qual è la legge di riferimento per…? Se non rispetto questa norma che succede? Come devo comportarmi se… ? Mi è successo che… Tutto quello che c’è da sapere per essere in “regola”

Riferimenti Normativi
I riferimenti normativi applicati e applicabili all’ecommerce. Compendio di leggi, decreti e circolari applicabili al commercio elettronico

Related Images:

No responses yet

nov 13 2006

shotcode.. diventerà uno strumento di mktng?

Published by under e-marketing

visita il mio blog - sparati questo code col tuo cellulare
La notizia inizia a rimbalzare un po’ dappertutto… potrebbe essere l’inizio per un buon strumento di mobile marketing.. cos’è SHOTCODE in sostanza?
Altro non è che un bollino grafico che contiene informazioni interpretabili da un telefonino dotato di un apposito software.
Il bollino è unico e non ci possono essere due bollini uguali con contenuto diverso.

Ma come si crea il “bollino”?
Ci si registra sul sito Shotcode.com , si inserisce l’url che vogliamo pubblicizzare nel bollino e il sistema genera l’immagine da utilizzare.

Ma come si usa?
E’ sufficiente scattare una foto al bollino con un telefonino di nuova generazione, dotato di apposito software (scaricabile dal sito) e il telefonino riconosce il codice e ci collega alla pagina internet correlata.
Quindi è possibile utilizzare il bollino un po’ ovunque.. sui cartelloni pubblicati, sugli adesivi di prodotto, sulla carta intestata dell’azienda, nei gadgets etc etc

L’idea è sicuramente innovativa e interessante e potrebbe anche svilupparsi… Coca Cola Mexico ha fatto stampare il codice su 40.000 bottiglie!!

Per parlare di ‘fenomeno’ è un po’ presto ma è sicuramente uno strumento da monitorare, soprattutto se, come si mormora, le case produttrici di cellulari integreranno il software nelle configurazioni base dei loro nuovi modelli

No responses yet

nov 12 2006

Caro Prodi

Published by under e-life,e-politica

… contesto la Sua manovra ma non per questo sono impazzito .
Al mio futuro ci penso da anni, pianificandolo per quanto è possibile fare fra un governo e l’altro, fra una finanziaria e l’altra che sistematicamente cambiano le regole e mi tolgono certezze.

Da Lei, che si indignò quando il suo esimio collega definì ‘coglioni’ quanti avrebbero espresso il voto in Suo favore, mi sarei aspettato più attenzione o almeno di ricevere lo stesso rispetto che ha preteso dagli altri.
La prego in futuro di voler meglio valutare le Sue affermazioni che offendono quanti hanno un pensiero diverso dal Suo.

Grazie

No responses yet

Get Adobe Flash player